"Lei era entrata in quella parte del cuore dove ci sono le cose più buone, quella simile a una credenza dei dolci dove c'è la marmellata, i biscotti... "
(Fabio Volo)

E se le zucche qui sono una cosa seria…il pane lo è altrettanto. Basta fare un giretto ,rigorosamente in bicicletta, per le vie del centro storico ed entrare in una delle innumerevoli panetterie per rendersi conto che il pane non ricopre un semplice ruolo marginale , di accompagnamento delle pietanze ma è il protagonista indiscusso della tavola.

 Diciamolo… quando si pensa alle polpette l’associazione con il riciclo domestico viene spontaneo. Le nostre nonne ci hanno  insegnato che in cucina non si butta via niente semmai si rimpasta ,si aggiunge, si cambia formato.Senza avere un master in economia aziendale le nonne  avevano visto lungo tanto che ora le polpette  per il loro formato perfetto per il finger food sono tornate alla ribalta e hanno  acquisito  una nuova dignità in cucina ,complice chef Barbieri  che sulle polpette ha scritto un libro intero  , ora esistono locali che sfornano solo polpette declinate in modi diversi.

CONSIGLIA Vellutata di zucca con coppa croccante e funghi

Send this to a friend